POLIZZA DECENNALE POSTUMA

Grazie alla polizza decennale postuma il proprietario di un immobile è coperto da eventuali danni all’opera. Si tratta in altre parole di una forma di garanzia, una polizza assicurativa obbligatoria che il costruttore di un determinato immobile stipula nei riguardi dell’acquirente proteggendolo in tal modo da difetti di costruzione o comunque da danni conseguenti a rovina totale o parziale.

La legge stabilisce che:

  • Tale polizza deve essere sottoscritta qualora l’immobile in questione che un determinato soggetto intende acquistare deve ancora essere edificato o ultimato;
  • Il venditore deve essere necessariamente un’impresa o  una cooperativa;
  • Il beneficiario non può mai essere un ente ma sempre un privato.

Polizza decennale postuma: quando stipularla?

polizza decennale postumaIl momento nel quale la polizza postuma va stipulata è quello del trasferimento della proprietà. Le parti possono comunque accordarsi che la consegna della polizza avvenga in un momento successivo qualora ad esempio ci sia stato un ritardo nella consegna dei documenti alla compagnia assicurativa.

Tuttavia è bene sapere che se questo non avviene non è previsto alcun tipo di sanzione ed inoltre è possibile comunque procedere alla compravendita pur con tutti gli eventuali rischi che una mancata stipulazione può comportare.

Occorre specificare che questa polizza è essenziale per tutelare sia il proprietario che l’acquirente poiché il proprietario viene tutelato in caso di ritardi da parte del costruttore nel portare a termine i lavori nei tempi prestabiliti mentre l’acquirente riceve una tutela economica a seguito di danni che l’immobile potrebbe subire.

I costi non sono sempre uguali

In via generale il costo per la stipulazione di queste tipologie di polizze non è molto alto. Occorre però informarsi presso più agenzie assicurative o enti specializzati in fideiussioni per potersi fare un’idea più precisa. E’ infatti importante considerare che i prezzi possono variare spesso in quanto il costo si basa su tassi variabili individuati dall’ente assicurativo stesso.

Ciò che conta è non fermarsi alla prima agenzia ma cercare di ottenere più consulenze per capire come muoversi e a quali professionisti affidarsi.

Chi è che paga?

A pagare è il costruttore ma la stipulazione della polizza comporta comunque un aumento del prezzo dell’immobile e quindi in un certo senso grava anche sull’acquirente.

Il pagamento della polizza, che dura dieci anni, avviene in formula unica in modo anticipato. Copre quindi un periodo di tempo abbastanza ampio e può essere rinnovata.

Polizza c.a.r. e decennale postuma

Non di rado alcuni scelgono di affiancare alla decennale postuma una polizza c.a.r. Si tratta di una forma assicurativa che offre una garanzia nei confronti del cantiere ovvero nel caso di:

  • Danni alle opere in costruzione;
  • Danni ai beni presenti in cantiere.

Questo tipo di polizza, a differenza della decennale postuma, non è obbligatoria ma deve essere esplicitamente richiesta. Qui il costruttore viene tutelato anche per eventuali danni involontari a terzi.

Polizza decennale postuma: il ruolo chiave del notaio

Nella stipulazione della polizza molto importante è la figura del notaio rogante che deve informare sull’esistenza dell’obbligo di stipulazione della polizza per evitare che l’acquirente possa rimanerne all’oscuro. Purtroppo spesso le persone non sono bene informate ed è quindi compito del notaio quello di essere una guida per la gestione delle pratiche.

Articoli correlati

Condividi suShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPrint this pageEmail this to someone